DIZIONARIO DI SARTORIA – terminologia e significati

Quando mi chiedono:

  • ” Mi insegni a cucire ?”
  • ” Puoi fare dei tutorial per capire come fare ?”

Rimango sempre molto in difficoltà, perchè anche se sei una principiante, anche se non sai come tenere in mano un ago, a mio parere, è fondamentale conoscere una minima base di regole e termini di sartoria, e il resto viene da sè.

Sono passati 2 anni dal mio corso di sartoria, e ricorderò sempre con simpatia l’incontro con la nostra insegnante, la sig.ra Bruna, la quale ci fece un test semplice semplice per capire quanto sapessimo della materia, ovvero NULLA.

Il test consisteva in:

  • fare un orlo
  • punti invisibili
  • imbastire

All’inizio questi termini erano davvero per me sconosciuti, e spesso quando prendiamo un giornale per cucire, che sia Burda, che sia “Cartamodelli Magazine” (il mio preferito) o “La mia boutique”, utilizzano dei termini tecnici che andremo a vedere insieme, di modo che almeno “parliamo la stessa lingua”.

Vediamo i termini e le tecniche più usate.

Si parte dalla materia prima, ovvero il tessuto, che come sappiamo tutti, è un intreccio di fili orizzontali (trama) e verticali (ordito) che si incontrano e formano il tessuto. Le due parti che racchiudono il tessuto viene chiamata “Cimosa”.

Le cimose, semplicemente chiudono il tessuto e quando si parla di “altezza del tessuto” si intende la larghezza, ovvero la misura da cimosa a cimosa.

Ma perchè è fondamentale capire com’è fatto il tessuto e capire cos’è la trama, l’ordito, cimosa e altezza del tessuto ?

Parto con un’altra domanda: avete mai sentito parlare di DRITTOFILO ?

Spesso lo si legge nei cartamodelli o se ne sente parlare nei video tutorial, e spesso (come facevo anche io, lo ammetto!), non sapendo esattamente cosa fosse, semplicemente lo saltavo, pensando “vabbè, che sarà mai… mica può influire sul risultato finale!!”

NIENTE DI PIU’ SBAGLIATO. IL DRITTOFILO E’ FONDAMENTALE PER LA RIUSCITA DI UN CAPO, DI UN ACCESSORIO.

Ma cos’è dunque questo Drittofilo? Come si riconosce, e come si trova?

Se voi andate a tirare un filo di trama o di ordito, vedrete che si forma una specie di riga nella trama del tessuto: quello è il drittofilo.

Se andate a comprare stoffa nei vecchi negozio di tessuti, noterete che spesso fanno un taglio e poi lo strappano, perchè vanno in dritto filo e siamo certi che sarà un taglio netto. Per fare questo bisogna essere super esperte, e sapere dove tagliare, cosa che io evito per non sprecare tessuto.

Ma vediamo come trovarlo sul tessuto…

Il drittofilo può essere di trama (filo orizzontale ) o di ordito (filo in verticale) e coincide esattamente, a seconda di come come viene indicato su cartamodello, con trama e ordito.

Perchè è importante il Drittofilo?

Posizionare il “cartamodello in dritto filo”, significa porlo sul filo che compone il tessuto e quindi farsì che sia dritto e non storto. Capire se posizionare in dritto filo di Trama (orizzontale) o di ordito (verticale). basta guardare il cartamodello e il tessuto.

Quando ci si avvicina al mondo del cucito, si parte dalle riviste che si trovano facilmente in edicola, come può essere Burda, si cominciano a guardare i tutorial o su Pinterest in cerca di idee, e poi si piazza a caso, come meglio ci sembra il cartamodello sul tessuto, ignorando il Drittofilo e così, alla fine, dopo tanto sforzo, il modello ci risulta storto, questo perchp magari, non posizionando il cartamodello nel modo corrtetto, non solo non è drito, ma viene sbilanciato il tessuto.

Se pensiamo che il tessuto non è altro che un’intreccio di fili orizzontali e verticali, possiamo capire che porre un cartamodello su un filo verticale ( drittofilo di ordito) o sul filo orizzontale (drittofilo di trama), è importantissimo.

Fin qui è tutto chiaro ?

E allora come possiamo ricavarlo il Drittofilo, se non siamo esperte e non possiamo “strappare il tessuto” come le professioniste con anni e anni di esperienza???

Bhè semplice: prendete un squadra 45° e una riga e vediamo insieme come fare:

Si prende in considerazione la cimosa, e si posiziona la squadra a filo della cimosa, di modo che dall’altro lato della squadra ricaviamo il dirittofilo di trama.

N.B. Con la squadra, si può trovare anche la linea a 45° per ricavare lo sbieco.

A questo punto non ci resta che appoggiare sopra la riga e tirare una riga: quella che ottenete è il drittofilo di trama. Se vi serve il dritto filo di ordito, semplicemente posizionate la squadra sul drittofilo di trama e dal lato verticale della squadra ottenete il drittofilo di ordito.

E il gioco è fatto!

Avete visto ? Bastano davvero pochissime nozioni di base, per poter iniziare col piede giusto, e sono certa che ora quando guarderete ad un cartamodello, vi verranno in mente il drittofilo ed il posizionamento su stoffa.

Dalla prossima volta, possiamo già vedere come iniziare un progetto semplice semplice come un bavaglino, e vedrete che soddisfazione poter dire : “l’ho fatto io!”

Alla prossima e…. buona serata!

Elisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *